Nigeria in ginocchio

E' da più di un mese che la Nigeria si trova nel disordine più totale. I negozi hanno ridotto gli orari di lavoro, i voli vengono continuamente cancellati, le compagnie telefoniche restringono i propri servizi.

Il partito del Presidente Muhammadu Buhari accusa il governo uscente di aver "sabotato" il Paese. 

Le compagnie petrolifere non vogliono cedere petrolio perché affermano di voler riavere i soldi che il governo gli deve: 1 bilione di dollari.

Una situazione difficile anche per gli abitanti, che si affidano ai generatori a petrolio per l'elettricità, visto il pessimo sistema elettrico del Paese.

Lunghissime le code alle poche stazioni di benzina ancora in funzione.

Diverse stazioni radio non sono più attive, mentre le compagnie telefoniche MTN, Airtel e Etisalat saranno costrette a ridurre i propri servizi.

Molti i voli domestici cancellati, mentre quelli internazionali sono costretti ad atterrare nei paesi vicini per rifornirsi di benzina.

Una situazione terribile per i Nigeriani, che oltre ai problemi quotidiani di sopravvivenza, si trovano di fronte a un nuovo ostacolo.

Leave a comment

Add comment