Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

I segreti di NaturAngy

 

Care amiche mie al TOP, oggi Afroitalian ha un’ospite d’eccezione: la bellissima NaturAngi. 

Lo so, lo so, siete tutte curiose di sapere i suoi segreti di bellezza, le sue origini e magari qualcosa in più sulla sua vita personale. Vi dico solo che dopo aver letto quest’intervista, non solo diventerete più belle, ma scoprirete una NaturAngi che di certo non vi aspettavate!

 

L'INTERVISTA

Cara NaturAngi, stai per avventurarti tra le domande birichine di Afroitalian… Pronta?

 

 

1) Qualcosa come 30.000 likes sulla pagina fb dedicata, il recente premio come miglior Nappy Info Point in Italia, seguitissima sui canali youtube e Instagram. Chi è Angela Haisha Adamou, in arte NaturAngi?

Ho origini ghanesi ma sono nata e vivo a Correggio, una splendida cittadina in provincia di Reggio Emilia. Mi divido tra università (dove studio Giurisprudenza), lavoro, e il blog che ho aperto nel gennaio 2014. Sono sempre di corsa, ma il duro lavoro sta pagando, permettendomi di conoscere persone che mi arricchiscono giorno dopo giorno. Un riconoscimento importante e quasi 30.000 like sulla pagina Facebook sono un traguardo insperato, ma anche una bella responsabilità perché dicono: “Sei un punto di riferimento, non devi mollare né deludere”.

2) Sei l’esperta del capello riccio più seguita, come e perché è iniziata quest’avventura?

Penso di  non averlo mai raccontato ma tutto è iniziato a Parigi, nel giugno 2013. Ero lì per un weekend di svago e l’ultimo giorno sono andata a Montmartre. Stavo salendo a piedi quella scalinata che sembrava non finire più, quando ho incrociato una bellissima ragazza nera con un’enorme chioma di capelli ricci. Il primo pensiero è stato: “Come è possibile? I nostri capelli non crescono così!”. L’estate successiva, ho rispolverato le foto di Parigi e guardando gli scatti di Montmartre ho ripensato a quella ragazza bellissima. Così ho iniziato a googlare immagini e articoli sui capello afro, che mi hanno aperta al mondo delle natural hair bloggers americane e del “no chemical treatment”.

 

 

3) Ti abbiamo vista liscia, riccia, con le acconciature più svariate. Stai sempre bene. Qual è il tuo segreto?

Due parrucchiere eccezionali, Michelle e Valentina! Quando non indosso i miei capelli naturali prediligo stili protettivi che favoriscano la crescita del capello, ma la chiave è che la parrucchiera abbia una buona mano, sia nel costruire l’acconciatura che nel maneggiare i capelli.

4) Cosa consigli a chi come te decide di transitare dal capello liscio a quello naturale?

Di darsi del tempo per informarsi sulla natura del capello afro: come va trattato, tecniche e prodotti da usare. Attraverso tutorial o consigli di chi il percorso lo ha già iniziato. Ormai in Italia ci sono tanti blog e pagine fb su cui informarsi, quindi armatevi di pazienza. Soprattutto perché i capelli afro crescono sani e forti se trattati bene, ma ahimè, molto lentamente (soprattutto quelli di tipo 4 come me).

 

 

5) Nominaci il tuo prodotto preferito prima, dopo e durante il lavaggio del capello.

Shampoo: SHAMPOO IDRATANTE SULFATE FREE CON ALOE E IBISCO della ACTIVILONG PARIS.

Co-wash: CO-WASH CLEANSER CON COCCO E IBISCO della SHEA MOISTURE

Balsamo: ANTI-SHRINKAGE CONDITIONER della DARK AND LOVELY AU-NATURALE

Maschera: MASCHERA RINFRORZANTE CON JAMAICAN BLACK CASTOR OIL della SHEA MOISTURE

Leave-in: MOISTURIZER CURL ACTIVATOR della CANTU SHEA BUTTER(must have, eccezionale come texture e capacità idratante).

Olio: PURO OLIO DI COCCO della FRUTTONERO NATURAL COSMETICS per sigillare l’idratazione; JAMAICAN BLACK CASTOR OIL della SUNNY ISLE per il massaggio stimola-crescita del cuoio capelluto.  

6) Ci sono cosmetici che consiglieresti a chi, come me, ha la pelle super sensibile?  

Anche la mia pelle è abbastanza sensibile e per il make up mi trovo benissimo con i prodotti della Kiko (anche se non sono bio). Ultimamente la mia amica Loretta Grace ha provato su di me un fondotinta della Ives-Roche e mi sono trovata molto bene.

 

NaturAngy per Marie-Claire 

7) NaturAngi tra 10 anni si vede avvocatessa o icona di stile?

Entrambe le cose, perché no? A dimostrazione che siamo sempre la fusione di entrambi gli aspetti.

8) Chi è il tuo designer preferito?

Non ho un designer preferito. Personalmente sono attratta da colori e pezzi “unici”, non omologati. Crescendo, la voglia di riscoprire le mie origini mi ha portata ad esplorare l’universo degli stilisti africani. Sono incantata da come reinterpretano le stoffe fondendole con la loro storia e adattandole alle nuove generazioni.

9) E’ facile o difficile crescere in Italia avendo origini africane? Hai trovato il tuo equilibrio? Io ho scritto un intero libro sull’argomento (“Razzismo all’italiana”) e mi piacerebbe conoscere la tua esperienza. 

Grazie a dio non mi sono mai sentita fuori posto: non sono mai stata presa in giro per il mio colore; anche le famiglie dei ragazzi con cui sono stata non hanno mai fatto storie, anzi, si sono dimostrate orgogliose di me e del mio prezioso patrimonio. Tuttavia, più parlo con ragazze come me, più realizzo di essere stata molto fortunata: al contrario di me, loro hanno avuto infanzie difficili di cui ancora portano i segni, e tuttora vivono grosse sfide.

 

 

10) Un consiglio beauty per tutti i lettori e le lettrici di Afroitalian.

Prediligete prodotti naturali, senza solfati e sostanze che secchino e sfibrino il capello. In commercio ci sono gli shampoo “sulfate free” e i “co-washer”; questi ultimi sono balsami detergenti per uso quotidiano. Idratate i capelli utilizzando uno spruzzino con acqua o un prodotto con la dicitura “moisturizer”. Applicate poi un olio per sigillare l’idratazione (io consiglio quello di cocco). La ciliegina sarebbe poi una crema a base di burro (karité, cacao, mango) che oltre a sigillare ammorbidisce. Ho appena descritto il metodo LOC (Liquid-Oil-Cream), fondamentale per sfoggiare capelli sani.

11) Sogno nel cassetto.

La felicità mia e delle persone che amo. E’ uno degli obiettivi più difficili da realizzare. Niente dipende dalla nostra volontà, quasi sempre bisogna essere nel posto giusto al momento giusto, per far sì che ciò a cui lavoriamo con impegno si realizzi. Dobbiamo pregare che non arrivino malattie o perdite, e che ogni sera ci si possa riunire e parlare insieme ai nostri cari della giornata trascorsa. Sembra una routine scontata, ma è sempre più un lusso.

 

Ti potrebbero anche interessare:

I MIEI CAPELLI: COME ME NE PRENDO CURA CON BURRO E OLI NATURALI

 

RAZZISMO ALL'ITALIANA: IL MIO NUOVO LIBRO

 

LA ROUTINE DI UN RICCIO AFRO: IL MIO E' UN 3C, IL TUO?

 

AFRORICCI: LE REGINE 

DEI CAPELLI AFRO

Comments

July 22, 2016 @09:54 am by — Marc88o
 

Sei bellissima...

July 02, 2016 @11:51 pm by — Marilena
 

@Maxine Il servizio risale esattamente al 18 febbraio 2015 e fa parte del servizio "Carpi Streetstyle";D

June 27, 2016 @02:33 am by — Simona
 

"Il segreto è che la parrucchiera abbia una buona mano, sia nel costruire l'acconciatura che nel maneggiare i capelli", sono d'accordo al 100%. L'educazione al capello parte dai nostri acconciatori. Purtroppo quelli italiani trattano i nostri capelli con prodotti che più conviene a loro (quindi spesso pieni dei temuti solfati e parabeni) e non adatti al nostro riccio. Così si esce dal salone con una chioma apparentemente bella ma oggettivamente malsana. Io ho cominciato il mio percorso verso il capello naturale 3 anni fa e da allora la mia testa mi ringrazia. Ricorro al parrucchiere solo una paio di volte all'anno, per tagliarne le punte e rinforzarli. Chi fa da sé fa per tre, o no?

June 26, 2016 @06:57 am by — Maxine
 

A-do-ro la foto per Marie-Claire, di quando è il servizio? Ci voglio dare uno sguardo perchè sono abbonata. Complimenti a Naturangi, bellissima!

June 26, 2016 @02:52 am by — AgathaLynn
 

Sei bellissima, complimenti Naturangi. Anch'io ti seguo da un po' e posso dire che il successo è meritatissimo. In bocca al lupo per i tuoi progetti!

June 26, 2016 @12:58 am by — Ramona
 

Cara Naturangi, anch'io ho un capello riccio di tipo 4 e faccio molta fatica a gestirlo. Richiede qualche sforzo in più, ma con molta pazienza come dici tu è un tipo di riccio bellissimo, su cui posso giocare come più mi piace:)

June 25, 2016 @01:47 pm by — Gloria
 

Bellissima Naturangi, io ti seguo da una vita e ti auguro ancora più successo..

Leave a comment:

  •