Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

LETTERA DI UNA MAMMA AFROITALIANA A SUA FIGLIA

 

Sono nata con un background multiculturale: mamma ruandese e papà italiano. Cresciuta a polenta e granoturco nella Bergamo di periferia. Quella dove ‘stai attenta al borsellino’ e ‘non accettare caramelle dagli sconosciuti’. Battezzata dagli insulti dei miei compagni di scuola, pedinata per tutta l’adolescenza da macchine che mi volevano caricare. "Razzismo all'italiana-cronache di una spia mezzosangue", il mio libro, ne dà un quadro tragicomico più che esauriente;)

 

 

Oggi sono donna e madre. Passate le peripezie, i pregiudizi e le relative insicurezze, sento sulle spalle tutto il peso della responsabilità. 

Spero di non trasmettere alla mia piccolina le ansie e le debolezze di chi è cresciuta nella discriminazione. Spero per lei che il mondo sia gentile, avaro di etichette e straripante di equilibrio. Che non sia giudicata per il colore della sua pelle, ma per l’acume della sua intelligenza e la delicatezza del suo cuore. In fondo, ogni bambino merita un’opportunità. E il razzismo, sia esso giovane o vecchio, quell’opportunità la può distruggere. Perché il bambino paralizzerà se stesso e i suoi sogni, l’adulto sarà già troppo vecchio per comprendere che la determinazione è più forte dell’odio.

 

 

Se non avessi investito i miei soldi di studentessa nel viaggio, non avrei capito il valore di cose che davo per scontate: una buona educazione, un tetto sopra la mia testa, il sole all’inizio di un giorno. 

Ho cominciato a fare i miei primi soldini all’età di cinque anni: vendevo collane di perline che creavo con le mie manine ai vicini di casa. In un palazzo di 13 piani. 

Più tardi, alle elementari, cominciai a dare ripetizioni ai bambini in difficoltà. Alle medie fondai un giornale e organizzai mercatini. Dalle superiori in poi mi arrabattai tra mille lavori e solo all’università arrivò il canto. Ho studiato all’università contando sempre e solo sulla borsa di studio e la musica. Tutto quello che intascavo lo spendevo nel viaggio. E ne è valsa la pena.

 

 

Confrontarmi con persone di culture diverse mi ha aiutata a uscire dalla mia Bergamo e capire che là fuori c’è tutto un mondo da scoprire. Con Marilene come me che si mescolano e fondono fino a formare un quadro colorato e frizzante. 

Il mondo non è razzista, l’individuo lo è se sceglie di esserlo. 

Il rispetto, la curiosità, l’ascolto sono tutte chiavi che aprono la nostra mente e ci elevano. Ci elevano in un posto dove il razzismo non esiste. In un posto di persone migliori e genitori migliori. E’ lì che spero d’incontrarti, bambina mia, quando anche tu soffrirai (è inevitabile). E stringerò la tua mano, asciugherò le tue lacrime e ti mostrerò il mondo.

 

Ti potrebbero anche interessare:

 

SCONGELAMENTO RAZZISTO

 

ADOTTA UN LIBRO AFROITALIANO! 

 

UN'AFROITALIANA IN AMERICA 4: GRAMMY'S, RED CARPET E BENEDIZIONI A GO GO

Comments

April 12, 2018 @01:41 am by — Ramona89
 

Che storia commuovente. Le tue parole finali mi hanno fatta davvero piangere perchè penso anch'io alla mia piccola, anch'io spero non dovrà soffrire il razzismo che ho vissuto e vivo tuttora, ma come dici tu è inevitabile...

April 12, 2018 @01:39 am by — Mari
 

Cara Maris, sei un esempio per tutte noi. Sei più che una madre. Sei la prova che l'amore è più forte di qualsiasi abuso. Sei sopravvissuta e rinata come una splendida fenice. Un forte abbraccio da tutto il team di Afroitalian!

April 11, 2018 @03:31 am by — Maris Davis
 

Grazie per questa testimonianza. Io purtroppo non ho potuto, né mai potrò essere madre. Gli uomini cattivi che per nove anni hanno "comprato" il mio corpo hanno rovinato anche il mio sogno di essere madre. #NoRazzismo

April 11, 2018 @02:45 am by — Mari
 

Ciao Grazia, qual è il tuo background? Grazie per il feedback, non è facile crescere un bambino nella paura che possa rivivere le nostre stesse esperienze negative. "Razzismo all'italiana" è disponibile sul sito di Aracne Editrice; se clicchi sul post, dove ho scritto il titolo, noterai che è evidenziato: ti rimanderà alla pagina dove acquistarlo. Per sicurezza ti riporto comunque il link qui di seguito: http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788854890565

April 11, 2018 @02:36 am by — Grazia
 

Cara Marilena, sono passata per caso sul tuo blog e non ho potuto riconoscermi nelle tue parole. Ho una bimba piccola anch'io e spero proprio che il mondo sia gentile con lei...spero non riviva le mie ansie e le mie sfide. Dove posso trovare il tuo libro?

Leave a comment:

  •