Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Un'afroitaliana in America 2: Hilary, Oprah, Bill Cosby,igieniste razziste... e Netflix Italy

 

America, America! Un’esplosione a stelle e strisce che mi ha catapultata in una dimensione surreale. Surreale, già. 

Una fantastica tournée mi ha portata in giro per gli Stati Uniti, tenendomi occupata più di un mese. Chicago, San Diego, Los Angeles, San Francisco, Seattle, Boston, New York…

Mi occupo di progetti musicali, in particolare dall’Africa, ma questo mi ha portata in America. Ho curato video e immagini del nuovo album Survival Songs di Bob Forrest, star di Celebrity Rehab e musicista punk rock fantastico. Check it out;D

 

Il documentario sulla sua carriera. Starring Chili Peppers, Courtney Love, Joe Frusciante&co.

 

Essendo immersa da testa a piedi in un altro continente, non ho potuto evitare l’inevitabile. Il primo dibattito dei candidati democratici per le elezioni presidenziali del 2016. Una ventata d’aria fresca, dopo essere stata seppellita per settimane dalle cagate di Donald Trump. 

  

  

Una delle cose che più mi ha amareggiata è stato vedere la copertina di Ebony novembre.

Mi si è spezzato il cuore… Cioè. Cliff, il mitico papà della Famiglia Robinson, è stato sempre un modello per me. Dottore di successo sposato con un’avvocatessa. 

Quand’ero piccola io, la gente “non caucasica” era disseminata per Bergamo a vendere accendini e borse tarocche. Quindi, la famiglia nera benestante, aveva acceso un lume di speranza in una terra senza modelli positivi associati alla pelle nera.

 

 

Purtroppo, però, Bill Cosby è stato accusato di aver stuprato almeno 50 donne. E vedermele tutte insieme in questo tv show, mi ha fatto davvero star male.

 

 

Un altro mito African American che mi ha lasciata senza parole è Oprah. Sì, Oprah Winfrey. Che nella sua network, OWN, parla del razzismo vissuto da piccola. A partire da sua madre. 

 

 

A sei anni fu costretta a dormire sulla veranda di casa perché "troppo nera". Lei e sua mamma, appena trasferitesi in Wisconsin, alloggiavano presso una signora nera dalla carnagione chiara, che non poteva soffrire il colore di Oprah.

“All’improvviso mi trovai in un luogo completamente sconosciuto. Non conoscevo nessuno. Nemmeno mia mamma, riconobbi più,” racconta Oprah.

 

 

E dopo un mese di tv trash, riso e verdure (è tutto quello che riesco a mangiare quando sono negli States). Dopo un mese immersa tra gente schizzata, dinamica, creativa, esplosiva… Mi sono lasciata alle spalle la statua della libertà per tornare a casa. Home sweet home. Italy.

Due cose assurde sono successe da quando son rientrata mercoledì. Una positiva, l’altra negativa. Cominciamo dalla negativa, va’…

 

 

Giovedi vado dal dentista e l’igienista mi fa: “C’hai proprio i denti africani”. Io: “Ah! sei la prima che me lo dice”. E notiamo che ho appena cambiato dentista perché mi son trasferita altrove. Lei: “Ma sì, le gengive sono scure. Gli africani hanno le gengive scure e le chiazze ai denti”. Io: “Ah”.

Naturalmente è l’ultima volta che vado da quel dentista. No comment che è inutile sparare sulla croce rossa…

 

 

La cosa positiva -e qui non voglio fare propaganda, ma il mio entusiasmo lo devo trasmettere- è Netflix. Già lo usavo negli Usa. Finalmente è approdato in Italia. Un servizio streaming travolto dalle polemiche. Ma io dico, abbonatevi e poi commentate ragazzi. Certo, i film d’autore sono ancora pochissimi. E se vi aspettate di trovare cinema italiano resterete delusi. Ma se siete aperti e vi guardate i film e i telefilm anche in lingua originale, qui c’è tanta roba. Nulla a che vedere con iTunes, che offre una gamma di scelta decisamente più ampia e aggiornata. Ma per ogni film ti partono minimo 5 euro. Quindi, considerato che vedo un film al giorno, i conti per me tornano: 8 euro circa al mese, contro… oddio non voglio manco fare il calcolo. Sottolineo che io, la tv, non ce l’ho. Vivo di cinema, e dico: Netflix. Yes!

 

Ti potrebbe anche interessare:

UN'AFROITALIANA IN AMERICA: TV E AFRO HAIR (+DONALD TRUMP)

Comments

October 26, 2015 @03:46 am by — Mari
 

Grazie Francesca, I'll check it out!

October 26, 2015 @03:23 am by — Francesca
 

A proposito, se non l'hai già visto, vorrei segnalarti un film che ho visto ieri, che sono sicura potrà interessarti: "Venere nera",del 2010, di un regista tunisino. Parla di quella donna africana ottentotta (storia vera) che nell'800 veniva esibita come freak in Inghilterra e successivamente in Francia. L'ho trovato meraviglioso e la protagonista ha dato un'interpretazione maestosa. Te lo consiglio :-D

October 26, 2015 @03:12 am by — Francesca
 

Non ti preoccupare Mari..C'è sempre tempo per imparare ;-)

October 25, 2015 @11:39 am by — Flirty Foodie
 

Quello di Oprah e molto triste, che la sua mamma lasciava che quella signora la trattasse così. Forse pensava che aveva un altra scelta.. Yeah Netflix in Italia. Anch'io sono contentissima!

October 25, 2015 @08:20 am by — Mari
 

E' l'unica cosa che rimpiango Francesca. Non averglielo detto in faccia a quell'impunita! E' 'sto blocco psicologico che ho dall'infanzia. Non riesco a rispondere alla gente razzista. Che ti devo dire...

October 25, 2015 @08:14 am by — Francesca
 

Beh...avresti potuto dirglielo...o dirle che conosci tanti africani che hanno i denti bianchissimi. Pensa che io sono sempre cresciuta con l'idea che tutti gli africani avessero denti bianchissimi :)

October 25, 2015 @08:10 am by — Mari
 

Ciao Francesca, se l'igienista m'avesse solo detto che ho i denti africani e le gengive scure andava anche bene. Ma non che gli africani hanno tutti le chiazze ai denti. Cioè... mi sembra una generalizzazione offensiva.

October 25, 2015 @08:06 am by — Francesca
 

Posso essere sincera? Che male c'è se l'igienista ti ha detto che hai i denti africani e le gengive scure? Certo, è una frase un po' ignorantona, che lascia il tempo che trova, però io non ci vedo del vero razzismo...Non si può prendersela per qualsiasi cosa, sennò si finisce con il lottare contro i mulini a vento.

October 25, 2015 @08:03 am by — Eleonora
 

Bill cosby è solo un maiale...anch'io sono rimasta senza parole quando ho saputo degli stupri...solo un animale può fare una cosa del genere a 50 esseri umani... disgustoso.

October 25, 2015 @07:22 am by — Paola
 

Che tipino questo Bob forrest! Povera Oprah, anche lei vittima del razzismo. è una catena infinita...

October 25, 2015 @06:56 am by — Santa94
 

Ah ah, vista così l'America sembra un paese davvero surreale. Ma anche l'Italia non scherza se l'igienista ti dice che hai le chiazze ai denti...ma come si fa?

Leave a comment:

  •