Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Grammy's 2016: il nostro album Zomba Prison Project è stato nominato

 

 

 

È con grande orgoglio che annuncio la nomination di Zomba Prison Project ai Grammy’s 2016!

Forse non tutti lo sanno, ma oltre al blog di afroitalian lavoro come fotografa e documentarista. Ho avuto l’onore di curare il documentario e le foto dell’album, prodotto da Ian Brennan. Per lui è la quarta nomination.  

 

 

Una nomination che arriva inaspettata, dati i grandi nomi che fanno parte di questa categoria, World Music. E parliamo di mostri sacri come Gilberto Gil, Angelique Kidjo, Ladysmith Black Mambazo e Anoushka Shankar. 

 

 

Noi saremo gli underdogs, quelli che nessuno conosce. I prigionieri che hanno prestato voce e strumenti a questo progetto non sono famosi come gli altri nominati, ma gridano blues da ogni singolo poro. Sono omosessuali, considerati una piaga in Malawi; sono donne accusate di stregoneria; o vittime di stupri, ingiustamente incarcerate. La maggior parte dei prigionieri viene trattenuta a lungo in carcere, spesso anni e anni. L’unica salvezza è un avvocato, ma un avvocato costa caro quando il salario medio del Paese è di 1$ al giorno.

 

 

La Prigione di Massima Sicurezza di Zomba fu concepita a fine ‘800 per 340 persone. Oggi ne ospita più di 2000.

Le condizioni in cui vivono sono orribili: il cibo si contende tra carcerati e guardie; i bagni consistono in un buco di giorno, in un secchiello di notte. E parliamo di gente che è costretta a star chiusa in cella dalle 4 del pomeriggio alle 4 del mattino. I ratti sono i più assidui visitatori. In prigione ci sono anche molti bambini: stanno con le madri fino ai 5 anni, ma non sempre ce la fanno. 

 

 

Le canzoni dell’album I have no everything here parlano di AIDS, grande problema del Malawi; ma anche di figli morti, di addi; o di pentimenti, come quello di Grace che in lacrime canta: “I killed people, I’ll kill no more”.

 

 

Il mio pezzo preferito? “Please don’t kill my child”. Ogni volta che l’ascolto, mi fa venir la pelle d’oca.

Ascoltate l’album con me e fatemi sapere se anche voi lo amate. Ve lo consiglio come regalo di Natale.

Potete ascoltarlo qui: Zomba Prison Project - I have no everything here.

 

Ps: se volete aiutare i prigionieri ingiustamente incarcerati e in cerca di aiuto, potete contribuire con una donazione via paypal a questo account: info@annapermalawi.it

 

 

 

Potrebbero anche interessarti:

Un album dalle prigioni di Zomba

Musica dal Rwanda: i Good Ones

Comments

December 11, 2015 @09:54 am by — Paolo
 

"Please don't kill my child" è un capolavoro. Solo questa canzone vale l'intero album. Complimenti per il progetto!

December 08, 2015 @02:01 pm by — Marilena
 

@Elena Elena, grazie di cuore per il supporto. E' un onore sentirselo dire da chi ha dato tanto per il Malawi, come te e la tua famiglia. Grazie per l'incoraggiamento! Forza Malawi!!!!!!

December 08, 2015 @01:59 pm by — Marilena
 

@MartaLove Hai ragione Marta, questa è la prima nomination per il Malawi. Anche per questo siamo molto felici!

December 08, 2015 @02:53 am by — Elena
 

Complimenti a te e ad Ian!!! Forza ragazzi, forza Malawi!!! Che meraviglia vedere che magia possa fare la musica...rende tutti liberi...

December 08, 2015 @02:28 am by — MartaLove
 

Bellissimo progetto, portare il Malawi ai Grammy's è una cosa bellissima, non credo neanche il Malawi sia mai stato nominato, ma correggimi se sbaglio.

December 07, 2015 @12:42 pm by — Gloria
 

Questi carcerati se la sono meritata la nomination. Continuate così ragazzi e cantateci delle vostre storie...

December 07, 2015 @11:58 am by — Marco
 

Congratulazioni, sembra un bellissimo progetto!

Leave a comment:

  •