Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Festival del Cinema Africano: noi ci saremo!

 

Cinema, Cinema, Cinema! La mia vita scorre bombardata da immagini prepotentemente occidentali: pellicole da Stati Uniti, Italia, Europa in generale.

E oggi, fresca fresca di ritorno da un viaggio a Dublino (dove tra pochissimo si svolgerà la festa di San Patrizio), mi fermo e rifletto. 

Al mattino leggo notizie dall’Italia, quando mi capita di guardare la tv (e dico “mi capita” perché non ce l’ho) scorrono fiction e programmi italiani, la sera i film sono quasi sempre americani. Perfino la musica che ascolto, attivamente o passivamente, è rigorosamente rich, il rich dell’Occidente.

 

 

Eppure io sono il frutto non solo di una cultura Occidentale (papà italiano) ma anche Africana (mamma ruandese). Se non fosse per mio marito e il nostro fantastico lavoro, che ci porta in giro per il mondo a registrare artisti di strada da Paesi come Rwanda, Malawi, Sud Sudan ecc… non sarei che il prodotto sbiadito di una macchina commerciale elitista. Esagero? Forse. Ma quando sento di iniziative stupende come quella di un Festival dedicato a registi e artisti da Africa, Asia e America Latina, faccio un profondo inchino e mi scrollo di dosso i Johnny Depp e le  Kardashian di turno, più tutte quelle particelle inquinanti che m’intaccano cuore e psiche da che sono nata.

 

Una foto dal Festival del Cinema Africano 2015

Raga, non possiamo mancare! Il Festival è ormai alla sua edizione numero 26 e quest’anno il suo slogan è “Designing Futures”. A partire da un contest video per immaginare l’Italia multiculturale del futuro: si chiama #Italia2050, e per iscrivervi avete tempo fino al 21 marzo!

Sempre in tema di design e cultura, una mostra fotografica super cool è “Designing Africa 3.0”: non solo ribalterà i vecchi stereotipi dell’Africa povera e in guerra, ma vi spiattellerà in faccia le sue infinite possibilità.

 

Consulta qui il catalogo del COE!

 

La rassegna cinematografica sarà come sempre un’esplosione di culture, eventi, emozioni da non perdere. Una vera e propria festa che ci aprirà una finestra su persone e luoghi lontani ma vicini. Un’occasione per viaggiare con il cuore ed esplorare atmosfere che stuzzicheranno l’immaginario di grandi e piccini allargandone gli orizzonti. 

 

La cover del nostro album "Zomba Prison Project", voci dalla Prigione di Massima Sicurezza del Malawi. Acquistalo qui!

Noi non mancheremo:domenica 10 aprile alle 17:30 saremo a Corso Venezia 63 (MI), e vi parleremo di Zomba Prison Project, il progetto musicale che ci è valsa una nomination ai Grammy’s di quest’anno. Vi trasporteremo in Malawi, ma anche in Rwanda, in Sud Sudan, in Mali, in Kenya… Lo faremo attraverso video, immagini, racconti in prima persona dei nostri incontri coi venditori di topi, i prigionieri, i sopravvissuti, i touareg… tutti artisti di strada che abbiamo registrato e portato in tournée per il mondo.

 

 Acquista il libro di Ian qui, è costellato di foto bellissime scattate dalla sottoscritta!

 

Acquista il mio libro qui! Ti immergerai nei miei ricci e non ne potrai più uscire!

Non mancheremo di parlarvi anche dei nostri due libri: “Razzismo all’italiana”, memoir sulla mia esperienza di afroitaliana cresciuta nella mitica Val Padana, e “How music dies -or lives”, il libro di mio marito sulla sua esperienza di produttore musicale (che gli è valsa 4 nomination più una vittoria ai Grammy’s). 

Ian e io vi aspettiamo, non mancate! Ho voglia di conoscervi tutti!!!

W il Festival del Cinema Africano! Per un’Italia più multiculturale e intelligente;D

 

Ian e io ai Grammy's di quest'anno per Zomba Prison Project.

Ti potrebbero anche interessare:

 

 

ADOTTA UN LIBRO AFROITALIANO! 

 

 

 

PRESENTAZIONI

 

GRAMMY'S 2016: IL NOSTRO ALBUM ZOMBA PRISON PROJECT E' STATO NOMINATO

Comments

March 17, 2016 @10:39 am by — Greta99
 

Verrò, anche solo per sentir parlare del tuo libro, sono curiosa di leggerlo. auguri ragazzi!

March 16, 2016 @03:30 am by — Renée
 

Che bella iniziativa. Cercherò di esserci, intanto vi faccio un bell'un bocca al lupo.

March 15, 2016 @10:45 am by — Marina
 

Il Festival del Cinema Africano è praticamente segnato sul mio calendario ogni anno, infatti non vedo l'ora di conoscerne il calendario e le programmazioni. Grazie per avermi anticipato questo bell'incontro, conto di esserci, in bocca al lupo!

March 15, 2016 @09:32 am by — Marc88
 

Ci saremo, grazie per averci ricordato di questo festival. Quando possiamo andiamo, stavolta ci dai un motivo in più per andarci..

Leave a comment:

  •